lunedì 9 gennaio 2012

La legalità fiscale, questa sconosciuta

Non comprendo tutti quelli che in questi giorni stanno prendendo posizione contro l'operazione di legalità fiscale intrapresa dall'Agenzia delle Entrate a Cortina nei giorni di vacanze natalizie.

C'è chi parla addirittura di stato di polizia, chi (una funzionario della Guardia di Finanza) afferma che il momento  era inopportuno perchè nel momento di maggiori incassi dei commercianti, chi dice che è fumo negli occhi.
A me sembra che in questa Italia tutti chiedono legalità a parole, ma quando si viene colpiti ci si chiede perchè non è stato chiuso il classico occhio. Siamo abituati a chiudere troppi occhi e non ci rendiamo conto che finchè non pagano tutti le tasse dovute, i soliti che pagano alla fonte nelle buste paga pagheranno sempre di più.
Non è solo un obbligo emettere scontrini e fatture, ma un dovere chiederne l'emissione.
Ben vengano altre operazioni simili che sono già state annunciate.
Riporto il comunicato stampa dell'Agenzia delle Entrate del 4 gennaio.

L’Agenzia delle Entrate porta fortuna: con l’agente si moltiplicano le vendite.
Guidano le “supercar” ma dichiarano meno di 50 mila euro lordi l’anno.
Un commerciante con beni di lusso per 1,6 milioni di euro in conto vendita, senza alcun documento fiscale.
L’operazione messa in campo a Cortina lo scorso 30 dicembre, che ha impegnato 80 agenti per effettuare i controlli in soli 35 esercizi commerciali (su un totale di quasi 1.000 presenti nella località turistica delle Dolomiti), ha portato risultati e informazioni utili per il recupero dell’evasione.
L’Agenzia delle Entrate fa bene agli affari. Gli incassi degli esercizi commerciali (alberghi, bar, ristoranti, gioiellerie, boutique, farmacie, saloni di bellezza, ecc), nel giorno dei controlli, sono lievitati rispetto sia al giorno precedente sia allo stesso periodo del 2010. In particolare, i ristoranti hanno registrato incrementi negli incassi fino al 300% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno (+ 110% rispetto al giorno prima), i commercianti di beni di lusso fino al 400% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno (+106% rispetto al giorno prima), i bar fino al 40% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno (+104% rispetto al giorno prima).
Non sono mancati singoli episodi particolarmente significativi: un commerciante deteneva beni di lusso in conto vendita per più di 1,6 milioni di euro, senza alcun documento fiscale.
Interessanti anche i controlli sui possessori di 251 auto di lusso di grossa cilindrata. Su 133 auto intestate a persone fisiche, 42 appartengono a cittadini che fanno fatica a “sbarcare il lunario”, avendo dichiarato meno di 30 mila euro lordi di reddito sia nel 2009 sia nel 2010, mentre 16 auto sono intestate a contribuenti che hanno dichiarato meno di 50 mila euro lordi.
Gli altri 118 superbolidi sono intestati a società che sia nel 2009 sia nel 2010 hanno dichiarato in 19 casi di essere in perdita, mentre in 37 casi hanno dichiarato meno di 50 mila euro lordi.
L’operazione fa parte della normale attività di presidio del territorio di competenza dell’Agenzia delle Entrate, svolta non solo in Veneto ma su tutto il territorio nazionale.
L’esperienza e la professionalità dei funzionari dell’Agenzia delle Entrate è tale per cui il controllo è stato effettuato con il minimo intralcio allo svolgimento dell’attività commerciale, evidenziato anche dagli episodi nei quali i funzionari sono stati addirittura scambiati per commessi dalla clientela.

1 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails