giovedì 25 settembre 2008

Insegnare a cacciare a scuola

La scuola è nella bufera delle proposte di un Ministro che ogni giorno tira fuori un coniglio dal cappello, eppure Osvaldo Veneziano, presidente dell´Arci Caccia pensa che ci sia spazio per insegnare una materia in più, magari inserendola tra l´educazione ambientale che la stessa Maria Stella Gelmini vorrebbe rendere obbligatoria (per l´ennesima volta).
Alla vigilia dell´apertura della caccia Veneziano scrive al Ministro dell´Istruzione, Università e Ricerca: «Sottoponiamo alla sua attenzione ed alla sua sensibilità un tema che troppe volte è risultato marginalizzato: la possibilità che la scuola, nel promuovere una maggiore attenzione alle questioni ambientali, focalizzi il tema della conservazione del patrimonio faunistico informando correttamente sul contributo prezioso di una corretta gestione dell´attività venatoria. Non le chiediamo di fare alcuna forzatura ´etica´, che appartiene al singolo individuo, ma di prevedere che nelle scuole italiane i nostri ragazzi possano conoscere, anche al fine di maturare coscienza critica e sviluppare il libero pensiero, le positive modificazioni di tutela dell´ambiente rurale e faunistiche intervenute grazie all´applicazione della legislazione vigente. Le attuali norme, ove applicate e rispettate, determinano un prelievo venatorio eco-conservativo, in sintonia con le indicazioni della scienza e quale conseguenza dell´impegno che migliaia di volontari (cacciatori, agricoltori e ambientalisti) dedicano con passione e impegno morale, con sacrifici di tempo e di risorse, ai ripristini ambientali, alla vigilanza, alle iniziative a sostegno di specie in difficoltà».
Per questi motivi, l´Arci Caccia chiede al ministro Gelmini di sollecitare «il lavoro del corpo docente alla corretta informazione degli studenti in modo tale che possano fare le loro scelte partendo dalla realtà delle regole e avendo presenti le migliori prospettive che si possono costruire nell´interesse della conservazione della fauna selvatica».
Sdegnata la reazione di Massimo Vitturi, responsabile settore fauna della Lega AntiVivisezione che respinge con fermezza e disappunto la sfacciata proposta avanzata da Arci Caccia di inserire a scuola l´insegnamento della caccia. «L´Italia ha bisogno di promuovere e implementare una sana e davvero coerente educazione ambientale, basata anche sui diritti degli animali, non di insegnare ai giovani ad imbracciare il fucile: equivarrebbe ad uccidere anche la scuola e le sue finalità pedagogiche, peraltro in una società sempre più preoccupata per l´escalation di violenza. La figura del "cacciatore-ambientalista" è una favola, un´invenzione recente, una figura creata a tavolino dagli strateghi della doppietta negli anni in cui la loro popolarità aveva raggiunto i minimi storici: la realtà è che i cacciatori sono responsabili della strage di milioni di esseri viventi, preziosi come lo è ogni vita e per l´ambiente».

1 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails