lunedì 16 febbraio 2009

Biomasse per tutti

È tutt’altro che fantascienza l’ipotesi di una strategia globale di approvvigionamento energetico basato sulle biomasse.
Attualmente i combustibili fossili costituiscono circa l’87 per cento delle fonti energetiche ma, secondo le previsioni dell’International Energy Agency, nel giro di un secolo non saranno più sufficienti a rispondere alla domanda mondiale.
La maggiore difficoltà legata alle biomasse sta nell’evitare che la loro coltivazione entri in competizione con i prodotti alimentari, un aspetto che rende irrealistica questa ipotesi agli occhi di molti esperti, soprattutto in considerazione del progressivo aumento della popolazione mondiale.
L’approccio di Metzger della Carl von Ossietzky University di Oldenburg e Huettermann dell’Università di Goettingen ribalta la questione, partendo dall’idea di dedicare terreni attualmente degradati e non adatti alle colture alimentari alla crescita di specie vegetali a sviluppo rapido che andrebbero a bilanciare le emissioni di anidride carbonica associate alla produzione energetica. La quantità di CO2 emessa durante il loro uso non supererebbe così quella richiesta durante la crescita.
Il modello tedesco risponde non solo alla questione energetica ma si pone anche come risoluzione al problema rappresentato dall’erosione del suolo, dalla deforestazione e dall’inquinamento delle acque costiere. In questo modo entro il 2050 sarà possibile destinare 3,6 miliardi di ettari di terreno alla produzione di bioenergia. Lo scenario prospettato, come si legge nello studio, «sarà un passo importante per realizzare i programmi delle Nazioni Unite nella lotta contro la desertificazione e la deforestazione, senza costi aggiuntivi». Ogni paese potrebbe così essere in grado di produrre autonomamente una parte di energia per il proprio fabbisogno, mantenendo contenuti i costi di trasporto.

2 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails