martedì 9 febbraio 2010

Ancora nessuna decisione per l'IVA sulla tassa rifiuti

rifiuti Mentre il Governo è impegnato a portare avanti le nuove leggi per salvare il salvabile della vita politica di Berlusconi, rimangono senza decisione scelte che solo il Governo può fare in seguito a sentenze della Corte Costituzionale.
Una di queste decisioni si riferisce all'applicazione dell'IVA su TARSU e TIA per la raccolta rifiuti. Infatti la sentenza ha dichiarato che l'IVA non deve essere applicata perchè TARSU e TIA son tasse. In un primo momento un emendamento sembrava aggirare la sentenza con il brutto espediente di reintrodurre una vecchia imposta: Italiani presi in giro sull'IVA applicata alla TIA.
Ritirato l'emendamento, rimane l'indecisione del Governo, quindi dei Comuni che non sanno come comportarsi in seguito alla richiesta di rimborsi da parte dei cittadini.
In realtà i comportamenti dei Comuni sono dei più disparati. Chi già adesso sta rimborsando, chi afferma che aspetterà una decisione del Governo, chi dichiara che non servirà una richiesta di rimborso se verrà deciso in tal senso.
Chi, in seguito ad una richiesta di rimborso, dovesse ricevere una lettera di rifiuto prima che il Governo decida, è possibile fare ricorso alla commissione tributaria provinciale entro 60 giorni dal ricevimento della risposta o entro 90 giorni dalla presentazione della richiesta di rimborso.

Aggiornamento: Grazie alla segnalazione di un lettore, aggiungo che mandando copia della richiesta di rimborso a Federconsumatori, questi tuteleranno il richiedente in caso di contenzioso.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails