venerdì 17 settembre 2010

Su Settegiorni parlando di conflitti d'interesse

Sta diventando un'abitudine, ma anche questa settimana il settimanale locale di Garbagnate Milanese prende spunto da un mio articolo su Garben.TV.
Questo il mio articolo, integrato da Alessandro: Conflitti d'interesse comunale.
Questo l'articolo di Settegiorni: C'è un conflitto d'interessi di Marone per il centro sportivo di Arese.

C'è molto da riflettere sulla notizia recente che dice che il centro sportivo di Arese sarà ristrutturato e gestito da una società che vede tra i soci il sindaco Leonardo Marone e la sua famiglia - dice con tono di sconcerto il blogger Gianluca Aiello di Garben tv che interviene sulla polemica del centro sportivo di Arese - se non si può parlare di conflitto di interessi, che per legge è cosa diversa, allora è una questione di buon senso.
A Garbagnate anche noi abbiamo un centro sportivo che ci piacerebbe vedere crescere. Solo che il sindaco ha un legittimo interesse a sviluppare il centro sportivo del paese vicino. Quali provvedimenti comunali si pensa possano essere indirizzati per migliorare il nostro con queste premesse?
L'amministrazione comunale aresina del Pdl - spiega Aiello - diffonde, per il suo centro sportivo, un bando un po' scarno, senza richieste di esperienze. Al bando aresino si presenta e vince la sola In.Te.Se. che poi si scopre essere della famiglia Marone. Personalmente non avrei partecipato ad un bando così lacunoso senza sapere quanti debiti residui ci sono. A meno di conoscere dettagli che altri ignorano.
Io guardo da garbagnatese che fruisce del centro sportivo e ci vedo un bel conflitto d'interessi sul quale non si può fare finta di nulla. In sostanza se io avessi in gestione il centro sportivo di Arese per 20 o 30 anni come succede alla In.Te.Se. di cosa mi preoccuperei? Di limitare la concorrenza dei vicini altrimenti mi sentirei insidiato dai concorrenti. Se dentro la In.Te.Se. c'è il sindaco (e la sua famiglia) del paese vicino, come può aiutare i garbagnatesi e se stesso?
La mia conclusione è che mi aspetto che il sindaco Leonardo Marone e il consigliere Mario Marone si astengano dal voto su qualunque argomento sia riconducibile a interessi personali, per carità legittimi.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails